Lo “Schioppettino di Prepotto”: CONCLUSIONI E RINGRAZIAMENTI

Dopo aver conosciuto Prepotto in compagnia di Michele, dopo aver incontrato produttori così appassionati e generosi, dopo aver assaggiato amabili vini e passeggiato per vigne fino a tarda sera, ci è sembrato  impossibile rendere giustizia a questa visita con un solo articoletto.

Bene, giunti ora al termine dei racconti con voluta ritmicità e senza fretta, non ci restano che le conclusioni.

Il territorio di Prepotto ha dimostrato di essere in fermento e ben orientato al futuro, con mente aperta anche all’innovazione. Ciò che colpisce è notare che allo stesso tempo sta riuscendo a mantenere con determinazione la sua genuinità, rispettando la propria identità.

La rivalutazione che sta avendo la denominazione Prepotto è frutto sì di un’intrinseca vocazione territoriale e della tradizione, ma anche di un cammino avviato a vele spiegate verso il confronto e il miglioramento.

Ritengo che questo territorio con la sua Associazione abbia tutte le carte in regola per emergere con successo nel panorama mondiale.

Lo schioppettino di Prepotto non potrà essere da meno, emergendo come

un vino dall’anima profonda, che continua a scaldare il cuore anche nel ricordo, dove la passione del produttore infonde quel “quid” che è fa la differenza.

 

Un po’ di RINGRAZIAMENTI a questo punto sono ora doverosi..

Prima di tutto al nostro adorato Cicerone, MicheleIMG_7327

Al riservato Marco Iacolettig

IMG_7325

Alla stoica Anna MuzzoliniIMG_7337

Al pragmatico Gianpaolo LenuzzaIMG_7373

Al palpitante Massimo DuriIMG_7387

Agli affiatati Elisabetta e Denis

Desktop

A presto amici! E soprattutto BUON LAVORO!!

special thanks to:

i miei soci Heidi e Matteo! Grazie per l’opportunità e per il bel lavoro di equipè!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.